Priča

Rekonstruktor sa amblemom Legije VII Gemine

Rekonstruktor sa amblemom Legije VII Gemine


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Legio I Italica

Legio I Italica ("Prva italijanska legija") bila je legija carske rimske vojske koju je osnovao car Neron 22. septembra 66 (datum je potvrđen natpisom). Epitet Italica upućuje na talijansko podrijetlo svojih prvih novaka. Još uvijek postoje zapisi o I Italica na Dunavskoj granici početkom V veka. Amblem legije bio je vepar.


Jedinice za rekonstrukciju i Druge grupe Sjedinjene Države i Kanada

Legija II Adiutrix je imperijalna rimska živa istorija/rekonstrukcija koja je osnovana u rujnu 2007. Njeni članovi prikazuju rimske vojnike i građane starog Rima oko 75. godine. Cilj jedinice je precizno prikazati život i vrijeme starih Rimljana za javno obrazovanje i zabavu te promicati bolje razumijevanje drevne rimske povijesti među svojim članovima i općenito u javnosti. II Adiutrix ima sjedište u Colorado Springsu, CO.

Pomoćna jedinica Legio VI FFC sa sjedištem na jugoistoku Sjedinjenih Država, Cohors II Italica Civium Romanorum (rimskih građana). Jedinica postoji prvenstveno radi sudjelovanja u rekonstrukcijama, prezentacijama, dramama i srodnim događajima. Muškarci Žene i djeca su dobrodošli, svako može biti uključen na bezbroj načina.
Cohors II Ital temelji se prvenstveno na kohorti stacioniranoj u Cezareji u periodu 20-70. Pominje se nekoliko puta u povijesnim referencama, uključujući i Bibliju!

Legio IX Hispana - jedini preostali trag LEGIO IX HISPANA u Americi, budući da se glavna kalifornijska grupa raspala. Uglavnom se nalazimo u "MidLant" području Sjedinjenih Država.

Noga. IX je grupa živih povjesničara posvećenih "učenju kroz rad" - koji teže više od pukog stajanja ispred grupe i razgovora. Da, ponekad radimo prikaze, ali naše srce je drugdje. Planiramo periodične marševe ili "šetnje" kako se zovu i logore. Nadamo se da ćemo svake godine rasti i raditi više.

Jedna stvar mi DO ohrabriti je ZABAVNO, da zabavno! Neki ljudi smatraju da prilikom ponovnog stvaranja morate biti jadni i imati jaku DISCIPLINU da to učinite. ne slažemo se. NITKO od nas ne želi umrijeti, niti se razboljeti od loše hrane, niti imamo buhe ili uši. Većina želi "okus" rimskog doba, a ne da se maršira sve dok ne padnete i ne otkačite noge. Želimo osjetiti nošenje oklopa, isprobati dio hrane koju su jeli, malo prošetati u sandalama - ne želimo da se ozlijedimo ili toliko razbolimo da ne možemo ići na posao Ponedeljak. Zapamtite, ovo je hobi!

Dio naše svrhe je i društveni te potičemo prijateljstvo i drugarstvo među našim članovima. Šta može biti bolje od toga da sa prijateljima radite nešto što vas zanima? Dođite k nama i pridružite se Legio IX Hispani.

Obrazovna služba koja stvara i poučava druge o rimskoj vojsci, od vrha do dna. Iako ima sjedište u Teksasu, naša Legija prelazi državne-pa čak i međunarodne-linije!

Interesi naših članova su široki i duboki-zanima nas svaka grana rimske vojske i svako doba njene evolucije. Potičemo raznolikost interesa naših članova i & quotcross-oprašivanje & quot; koje različitost donosi.

Rečeno je da se glavni tok rimskih obnova trenutno fokusira na carsko doba, stoga nastojimo zadržati "kritičnu masu" legionarskih aktivnosti i opreme primjerenu tom razdoblju (preferiramo dinastiju Flavijana pod Vespazijanom.)

Jedna od originalnih rimskih web stranica za obnovu, nije visokotehnološka, ​​ali ima dobre informacije i informacije o tome kako napraviti rimski komplet.

Dvadeseta legija osnovana je 1991. godine kako bi ponovno stvorila vojnike rimske vojske za javne demonstracije i prikazivanje žive povijesti. Naše oružje, oklopi i oprema pažljivo su istraženi i rekonstruirani o našem trošku. Naše trupe demonstriraju današnje taktike i upotrebu raznog oružja legionara. Možemo raspravljati o mnogim aspektima života rimske vojske. Imamo i civilni kontingent koji prikazuje svakodnevni život u starom rimskom svijetu.

Legio Tredecim Gemina je društvo posvećeno proučavanju Starog Rima, njegove povijesti, kulture, naroda i vojske. Legio Tredecim Gemina povezan je s Nova Roma, međunarodnom organizacijom koja je također posvećena proučavanju Starog Rima.

Dok je Legio Tredecim Gemina sa sjedištem u oblasti Houston, Texas, naše članstvo je otvoreno za sve, bez obzira na to gdje se on ili ona nalazi. Članstvo je otvoreno za sve pojedince. Legio Tredecim Gemina ne pravi diskriminaciju na osnovu rase (etničke pripadnosti), boje, spola, starosti, spola ili invaliditeta.

Legio Tredecim Gemina potiče nauke o starom Rimu i njegovoj kulturi. Osim toga, Legio Tredecim Gemina učestvuje u rimskim rekonstrukcijama u regiji Texas.

Legio XXX Ulpia Victrix je neformalno udruženje rimskih glumaca (iz južnog Ontarija i
sjeveroistočni dio SAD-a) osnovana 2004. godine s ciljem prikaza svih aspekata:
Rimski civilni i legionarski život.

Učešće porodice je dobrodošlo i ohrabreno.

Ovo je mjesto Legio XXX, treće kohorte Fort Waynea, In, USA. Osim glavne stranice, pogledajte i moje stranice za izradu rimskih cipela:

Nova Roma (SAD)-NOVA ROMA je organizacija posvećena proučavanju i obnovi stare rimske kulture. Od svog legendarnog osnivanja 753. pne do 330. godine, kada je prestao biti središte carske vlasti, Rim je postavio standard i postavio temelje našoj modernoj zapadnoj civilizaciji. Rim je civilizirao svijet i vidimo potrebu da ta božanska misija počne iznova.
Osnovana 2750 godina nakon samog Vječnog grada, NOVA ROMA nastoji vratiti te zlatne godine. Ali tamo gdje su naši preci nametnuli svoju volju mačem i Legijama, mi namjeravamo isti rezultat širenjem znanja i vlastitim vrlim primjerom.

(SAD, VA)-Od 1987. Rim je premijerna borbena jedinica u SCA, Marklandu i Dagorhiru! NE KLIKNITE na dugme java-script, samo idite na indeks koji nije java-on i dalje zaključava moj računar! (13.feb.05)


Napomene

  1. ↑ Edward Dabrowa, Legio X Fretensis: Prosopografska studija njegovih oficira (I-III v. N. E.) (Stuttgart: Franz Steiner, 1993.), str. 11
  2. ↑ J. Holland Rose, Mediteran u starom svijetu, 2. izdanje (Cambridge University Press Archive, 1934), str. 98
  3. AE1936, 18
  4. 123 Dabrowa, Legio X Fretensis, str. 12
  5. AE1933, 204
  6. ↑ Pace, H. Geva, "Logor desete legije u Jeruzalemu: arheološko preispitivanje", IEJ 34 (1984), str. 247-249.
  7. leg (atus) Aug (usti) leg (ionis) X Fret (ensis) et leg (atus) pr (o) pr (aetore) [pr] ovinciae Iudaeae, CILIII, 12117. Vidi takođe CILX, 6321.
  8. ↑ Dabrowa, Legio X Fretensis, str. 51
  9. ↑ Dabrowa, Legio X Fretensis, str. 16
  10. ↑ Mor, M. Druga jevrejska pobuna: Rat Bar Kokhba, 132-136. Brill, 2016. p334.
  11. ↑ Dabrowa, Legio X Fretensis, str. 17
  12. 12 Dabrowa, Legio X Fretensis, str. 18
  13. ↑Euzebije Cezarejski, Onomasticon.
  14. ↑ "praefectus legionis decimae Fretensis, Ailae", Notitia dignitatum in partibus orientis, XXXIV 30.
  15. ↑ Arubas, B. i H. Goldfus, "Pećnice desete legije Fretensis", u J. H. Humphrey (ur.) Rimski i bizantski bliski istok: neka novija arheološka istraživanja, Časopis za rimsku arheologiju, Dopunska serija 14.
  16. ↑Clermont-Ganneau Charles. Obavijest o troiskim spomenicima épigraphiques se izvještava za au & & 233jour de la dixi ème l égion Fretensis u Izraelu. U: Comptes rendus des s éances de l'Acad émie des Inscriptions et Belles-Lettres, 16 ᵉ ann ée, 1872. str. 158-170.

Moutray ’s blog

Prije Mariusovih reformi 104. godine prije Krista rimska je legija imala različite standarde, orao, vuk, minotaur, konj i vepar koji su bili nošeni ispred različitih elemenata legije (iako ne znamo koji ).

Orao je oduvijek bio najvažniji, ali Marius je bio taj koji je dao prednost orlu i ukinuo ostale.

Ti su standardi bili životinjski totemi koji odražavaju vjerska uvjerenja poljoprivrednog društva ’ (Plinijeva prirodnjačka istorija 10.16 Keppie 1984.).

Veprovi su općenito važni u ikonografiji željeznog doba, oni su agresivna, neukrotiva i strašna stvorenja u zaleđu, snažna, neustrašiva i destruktivna#8217 (Green 1992) i stoga njihovo iznenađenje u vojnom kontekstu nije iznenađujuće.

Većina poznatih legionarskih amblema podrijetlom je zodijaka, što odražava ili carsko porijeklo (bik i#8211 legije III Gallica, IIII Macedonica, VII, VIII Augusta, X Gemina) ili temelj ili ponovno formiranje pod Augustom (Jarac &# 8211 legije II Augusta, IIII Macedonica, IIII Skitika, XIV Gemina, XXI Rapax).

Legije XIII, a možda i XVI, imaju amblem lava.

Čini se da drugi amblemi odražavaju službu u Actiumu ili u drugim pomorskim bitkama građanskog rata X Fretensis ima dupina i kuhinju, između ostalih XI i XXX imaju Neptun.

Pegaz se pojavljuje za II Augusta i III Augusta.

V Alaudae se može pohvaliti slonom (iz historijske epizode).

VI Ferrata, vuk i blizanci (a možda i bik).

Legio XII Fulminata ima grom, kao što biste očekivali od imena.

Prema Domaszewskom (1885) vepar označava boga Quirina, za kojeg se smatra da je porijeklom iz Sabine, bog sa borilačkim osobinama koji se smatra personifikacijom oboženog Romula.

Nekoliko legija ga je koristilo kao obilježje.
Noga I Italica, noga II Adiutrix i noga X Fretensis su sve to koristile, kao i noga XX Valeria Victrix.


Sadržaj

Poreklo legije je neizvesno, ali poznato je da je Cezar pronašao Devetu legiju već sa sedištem u Galiji 58. godine pre nove ere, Β ] gde je ostao tokom cele kampanje galskih ratova.

Prema Stephenu Dando-Collinsu, legiju je uz 6., 7. i 8. podigao Pompej u Hispaniji 65. godine prije Krista. Γ ]

Cezarova deveta legija borila se u bitkama kod Dirahija i Farsala (48. pne) i u afričkoj kampanji 46. pne. Nakon konačne pobjede, Cezar je raspustio legiju i smjestio veterane na području Picenuma. Δ ]

Nakon Cezarovog ubistva, Oktavijan se prisjetio veterana Devete koji su se borili protiv pobune Seksta Pompeja na Siciliji. Nakon što su porazili Sextusa, poslani su u pokrajinu Makedoniju. Deveti je ostao s Oktavijanom u njegovom ratu 31. godine prije Krista protiv Marka Antonija i borio se pored njega u bitci kod Akcija. S Oktavijanom kao jedinim vladarom rimskog svijeta, legija je poslana u Hispaniju kako bi sudjelovala u velikoj kampanji protiv Kantabrijana (25–13. Pr. Kr.). Nadimak Hispana ("stacioniran u Španiji") prvi put se nalazi za vrijeme Augustove vladavine i vjerovatno je nastao u to vrijeme. Nakon toga, legija je vjerovatno bila pripadnik carske vojske na granici s Rajnom koja je vodila kampanju protiv germanskih plemena. Nakon napuštanja područja Istočne Rajne (nakon katastrofe u bitci kod Teutoburške šume - 9. po Kr.), Deveta je premještena u Panoniju.

Invazija Britanije [uredi | uredi izvor]

43. godine naše ere vjerojatno su sudjelovali u rimskoj invaziji Britanije koju su predvodili car Klaudije i general Aulus Plautius, jer se uskoro pojavljuju među provincijskim garnizonima. 50. godine nove ere, Deveta je bila jedna od dvije legije koja je pobijedila snage Caratacusa kod Caer Caradoca. Oko 50. godine nove ere, legija je izgradila utvrdu Lindum Colonia u Lincolnu. Pod zapovjedništvom Cezija Nasice, ugušili su prvu Venucijevu pobunu između 52. i 57. Deveta je pretrpjela ozbiljan poraz pod Kvintom Petillijem Cerialisom u pobuni Boudice (61), a kasnije je pojačana legionarima iz njemačkih provincija. Oko 71. godine nove ere izgradili su novu tvrđavu u Yorku (Eboracum), što pokazuju nalazi pločica-markica sa tog mjesta. Ε ]

Nestanak [uredi | uredi izvor]

Često se kaže da je legija nestala u Britaniji oko 117. godine. Ζ ] Η ] Međutim, poznato je da imena nekoliko visokih oficira Devete služe u legiji nakon c. 120 (npr. Lucije Aemilius Karus, namjesnik Arabije 142/143), što sugerira da je legija nastavila postojati i nakon tog datuma. Pretpostavlja se da je legija možda uništena tijekom pobune Bar Kochba u provinciji Iudaea, ili možda u toku sukoba s Partskim carstvom, ali za to nema čvrstih dokaza. ⎖ ]

Posljednja svjedočena deveta aktivnost u Britaniji je tokom obnove u kamenu legionarske tvrđave u Yorku (Eboracum) 108. godine. Njegovi kasniji pokreti ostaju nepoznati, ali postoje ključni dokazi, u obliku dvije utisnute pločice, o prisustvu Legije u Nijmegenu (Noviomagus) u Holandiji, koju je evakuisala X Gemina. ⎗ ] Kako ih je legija utisnula, a ne veksilacija legije, ne mogu se odnositi na poznato prisustvo podjedinice legije na granici s Rajnom sredinom 80-ih godina kada se car Domicijan borio njegov rat protiv Chattija. Smatra se da dva odlomka iz antičke književnosti imaju utjecaja na ovaj problem. Dokaze o značajnim gubicima trupa u Britaniji daje rimski povjesničar Marcus Cornelius Fronto, koji je pisao 160 -ih godina naše ere, koji je tješio cara Marka Aurelija, podsjećajući ga na prošle tragedije: „Zaista, kad je vaš djed Hadrian imao carsku moć, kakva velika broj vojnika ubili su Jevreji, koliki broj Britanaca ”. ⎘ ] Detalji ovih žrtava ostaju nepoznati, ali kako je sam car Hadrijan posjetio Britaniju oko 122. godine, jer, "Britanci nisu mogli biti držani pod rimskom kontrolom", ⎙ ] vjerovatno je da je Hadrian bio odgovor na vojnu katastrofu. ⎚ ] Jednako je vjerovatno da je izgradnja Hadrijanovog zida izazvala nevolje u tom području.

Deveti sigurno više nije postojao sredinom 2. stoljeća jer ga popis legija sastavljen za vrijeme vladavine cara Marka Aurelija (161-180. Poslije Krista) ne spominje. Sheppard Frere, ugledni romansko-britanski autoritet, zaključio je da su "potrebni dodatni dokazi prije nego što se može reći više". ⎛ ] Ipak, Miles Russell (viši predavač rimske arheologije na Univerzitetu Bournemouth) tvrdio je da je "daleko najvjerojatniji odgovor na pitanje 'šta se dogodilo s Devetim' da su se borili i poginuli u Britaniji, nestajući u kasnih 110 -ih ili ranih 120 -ih, kada je pokrajina bila u rasulu ". ⎜ ] ⎝ ]

Daljnje spekulacije o ozbiljnom britanskom ratu za vrijeme Hadrijanove vladavine mogu biti potkrijepljene nadgrobnim spomenikom pronađenim u Vindolandi u Chesterholmu u Northumberlandu. Čovjek se sjeća da je Tit Annius, centurion Prve kohorte Tungrijaca, „ubijen. rat ”(in bello. interfectus). ⎞ ] Dalje, nadgrobni spomenik iz Ferentinuma u Italiji postavljen je Titu Pontiusu Sabinusu, koji je, između ostalog, komandovao odredima VII Gemine, VIII Augusta i XXII Primigenia Legije na "britanskoj ekspediciji", uzimajući pojačanje na ostrvu nakon (ili čak tokom) velikog sukoba, vjerovatno na početku vladavine cara Hadrijana (117-138. n. e.). ⎟ ]


Rekonstruktor s grbom Legije VII Gemine - Povijest

Ljubaznošću saradnika Wikimedia Commons Elliotta Sadournyja

L'arco di Costantino è un arco trionfale a tre fornici (con un passaggio centre affiancato da due passaggi laterali più piccoli), situacija u kojoj se nalazi Rom, udaljena od Colossea. Oltre alla notevole importanza storica come monumento, l'Arco può essere obzir to come un vero e proprio museo di scultura romana ufficiale, straordinario per ricchezza e importanza [1]. Le dimensioni generali del prospetto sono di 21 m altezza, 25,9 metri di laghezza and 7,4 m di profondità.

L'arco fu dedicato dal senato per komemorare la vittoria di Costantino I contro Massenzio nella battaglia di Ponte Milvio (28. oktobar 312.) e inaugurato zvanično 25. luglio del 315 (nei decennalia dell'imperatore, cioè l'anniversario dei dieci anni dini potere) o nel 325 (vicennalia). La collocazione, tra il Palatino e il Celio, era sull'antico percorso dei trionfi.

L'arco è uno dei tre archi trionfali sopravvissuti a Roma, in via dei Fori imperiali: gli altri due sono l'arco di Tito (81-90 circa) e l'arco di Settimio Severo (202-203). L'arco, come anche quello di Tito, è quasi del tutto ignorato dalle fonti letterarie antiche e le informazioni che si conoscono derivano in gran parte dalla lunga iscrizione di dedica, ripetuta su ciascuna faccia principale dell'attico.

All'epoca della costruzione dell'arco, Costantino non aveva ancora & quotufficializzato & quot la simpatia verso il Cristianesimo, nonostante la tradizione agiografica dell'apparizione della Croce durante la battaglia di Ponte Milvio libert am'pollio de la'imporante Romano nel 313, partecipò solo nel 325 al concilio di Nicea. Nonostante la discussa frase instinctu divinitatis (& quotper ispirazione divina & quot) sull'iscrizione, è verosimile che all'epoca Costantino mantenesse perlomeno una certa equidistanza tra le religioni, anche per ragioni di interesse politico. Tra i rilievi dell'arco sono infatti presenti scene di žrtviio raznoliku divinità pagane (nei tondi adrianei) e busti di divinità sono presenti anche nei passaggi laterali, mentre altre divinità pagane erano raffigurate sulle chiavi dell'arco. Značajno però, tra i pannelli riciclati da un Monumento dell'epoca di Marco Aurelio, vennero tralasciati nel reimpiego proprio quelli che si riferiscono al trionfo e al žrtficio capitolino (che oggi sono ai Musei Capitolini), raffiguranti cerimo della el quie la piño la quinta Stato pagana

Nel 1530 Lorenzino de 'Medici venne cacciato da Roma per aver tagliato per divertimento le teste sui rilievi dell'arco, che vennero in parte reintegrate nel XVIII secolo.

Nel 1960, durante i Giochi della XVII Olimpiade Roma, l'arco di Costantino fu lo spettacolare traguardo della leggendaria maratona vinta a piedi scalzi dall'etiope Abebe Bikila.

Discussioni sulla datazione

Sulla base di scavi condotti nelle fondazioni dell'arco, su uno dei lati, è stata proposta l'ipotesi che il monumento sia stato costruito all'epoca di Adriano e successivamente pesantemente rimaneggiato in epoca costantiniana, con lo spostamento in il fuori delle, rifacimento dell'intero attico, l'inserimento del Grande fregio traianeo sulle pareti interne del passaggio centre, e l'esecuzione dei rilievi e delle decorazioni riconosciute di epoca costantiniana, sia per mezzo della rilavorazione dei nei blociara litija 'unitija liti blociara umetnuti novi elementi. All'originaria decorazione del monumento apparterrebbero dunque i Tondi adrianei [2].

L'arco je konstruiran u operi quadrata di marmo nei piloni, mentre l'attico, che ospita uno spazio accessibile, realiziran je na muraturi i in cementizio rivestita all'esterno di blocchi marmorei. Sono stati utilizzati indifferentemente marmi bianchi different qualità, reimpiegati da monumenti più antichi, e sono stati riutilizzati anche buona parte degli elementi architettonici e delle sculture della sua decorazione. L'arco misura 21 metri altezza (con l'attico), 25,70 larghezza i 7,40 di profondità. Centralna centrala za lance iznosi 6,50 metara i 11,45.

La struttura architettonica riprende molto da vicino quella dell'arco di Settimio Severo nel Foro Romano, con i tre fornici inquadrati da colonne sporgenti su alti plinti anche alcuni temi decorativi, come le Vittorie dei pennacchi del fornice centrale, sono ripresi dal medesimo modello.

La cornice dell'ordine principale è costituita da elementi rettilinei di reimpiego (datati all'età antonina o primo-severiana), integrati da copie costantiniane per gli elementi sporgenti sopra le colonne, più accuratamente scolpiti sulla fronte che sui fianchi. Ancora di reimpiego sono i capitelli corinzi (semper di epoca antonina), i fusti rudentati u marmo giallo antico e le basi delle colonne (capitelli e basi delle retrostanti lesene sono invece copie costantiniane, mentre i fusti delle lesene, vjerojatno di reimpiego, quasi tutti sostituiti nei restauri settecenteschi). Di epoca domizianea, ma con rilavorazioni sukcesivno, è anche il coronamento di imposta del fornice centrale.

Di epoca costantiniana sono invece gli archivolti del fornice centre e gli elementi lisci (coronamenti e zoccoli, fregio, architrave e basi dell'ordine principale, archivolti e coronamenti di imposta dei fornici laterali), che presentano spesso modanature semplifineo conco i conamente .

Al centro dei due lati dell'attico è presente la seguente ispiszione:

«IMP (eratori) · CAES (ari) · FL (avio) · CONSTANTINO · MAXIMO · P (io) · F (elici) · AVGUSTO · S (enatus) · P (opulus) · Q (ue) · R (omanus ) · QVOD · INSTINCTV · DIVINITATIS · MENTIS · MAGNITVDINE · CVM · VJEŽBANJA · SVO · TAM · DE · TYRANNO · QVAM · DE · OMNI · EIVS · FAKCIJE · VNO · TEMPORE · IVSTIS · REM-PUBLICAM · VLTVS ARCVM · TRIVMPHIS · INSIGNEM · DICAVIT · »

«All'imperatore Cesare Flavio Costantino Massimo, Pio, Felice Augusto, il Senato i il popolo romano, poiché per ispirazione divina e per la grandezza del suo spirito, con il suo esercito rivendicò per mezzo di giusta guerra lo Stato tanto dal tiranno e, ad un tempo, da ogni fazione, dedicarono questo arco insigne per trionfi. »

Sull'iscrizione dell'attico la frase instinctu divinitatis (& quotper ispirazione divina & quot), nella terza riga, ha causato lunghe diskusije o gli studiosi, in relazione alla posizione dell'imperatore nei confronti della religione cristiana e al racconto dello storico cesa delo storico riferisce l'episodio dell'apparizione della croce a Costantino prima della battaglia contro Massenzio. È probabile che l'allusione sia volutamente oscura: l'imperatore in quest'epoca, pur avendo un atteggiamento di benevolenza nei confronti della religione monoteista, che egli vedeva come possiblebile base ideologica del potere imperiale, e affine in questo senso al culto dinastico del Sol Invictus, mantiene ancora una certa equidistanza.

Svi drugi iscrizioni sono presenti sulle pareti interne del fornice centre (LIBERATORI · VRBIS e FVNDATORI · QVIETIS) e al di sopra dei fornici laterali (sulla facciata nord: VOTIS · X · VOTIS · XX i sulla facciata sud: SIC · X · SIC · XX ): queste ultime si riferiscono ai decennalia e ai vicennalia, ossia ai festeggiamenti per i dieci o venti anni di regno.

Lo schema decorativo dei rilievi si può riassumere in breve così (per gli Approfondimenti si rimanda ai paragrafi successivi):

Nella parte più alta (l '& quotattico & quot) al centro dei lati maggiori uporedi un'ampia iscrizione, affiancata da coppie di rilievi dell'epoca di Marco Aurelio, mentre sui lati minori sono collocate lastre pertinenti ad un fregio di epoca traia lastre si trovano nel passaggio del fornice maggiore). In corrispondenza delle sottostanti colonne sono presenti sculture a tutto tondo dei Daci, in marmo pavonazzetto, semper di età traianea.

Al livello inferiore, sui lati principali, sopra i due fornici minori, sono collocate coppie di tondi risalenti all'epoca di Adriano, un tempo inconiciati da lastre di porfido. Sui lati minori allo stesso livello la serie dei tondi adrianei è completata con altri zbog tondi realizzati u epoca costantiniana.

Al di sotto dei tondi, è presente un lungo fregio a bassorilievo, scolpito sui blocchi in epoca costantiniana, che prosegue sia sui lati lunghi che su quelli corti.

Dodatni basorilievi su trovano al di sopra degli archi (Vittorie e Fiumi) i sui plinti delle colonne.

I rilievi riutilizzati richiamano le figure dei & quotbuoni imperatori & quot del II secolo (Traiano, Adriano e Marco Aurelio), cui viene così assimilata la figura di Costantino a fini propagandistici: all'imperatore, impegnato a stabilire la legittimione della Massenzio (tetrarka al pari di Costantino). Massenzio era stato dopotutto ben voluto a Roma, perché aveva esercitato il suo potere proprio dall'antica capitale, per questo Costantino si predlagati ideologicamente come il ripristinatore dell'epoca felice del II secolo d.C.

L'uso di materiale di recupero di monumenti antichi, che divenne abituale a partire proprio da questi anni, è probabile che fosse dettata, almeno nella scelta di cosa apporre sull'arco, secondo valori più simbolici che pratici: si presero & quotcitazioni & quotcitazioni molto amati, le cui teste vennero rilavorate per dare loro le sembianze di Costantino, che si proponeva quindi come loro diretto erede. Nello scolpire le nuove teste (oggi in gran parte sostituite nei restauri settecenteschi, con alcune lacune come nei pannelli aureliani) alcune vennero dotate del nimbus (l'antenato dell'aureola), come mostrano alcune tracce superstiti, a simbolleggiare l'enf maiestas imperiale (più tardi sarebbe diventato un simbolo di santità cristiana). Può darsi che nei quattro tondi adrianei con scene di žrtviio le teste raffigurassero anche Licinio o Costanzo Cloro [3].

I rilievi si dispongono, insieme a quelli appositamente eseguiti all'epoca, in modo simmetrico sulle due facciate (nord e sud) e sui due lati corti (est ed ovest) dell'arco. Come tipico negli archi romani decorati da rilievi, sulla facciata esterna (a sud) prevalgono scene di guerra, mentre sulla facciata interna (a nord), rivolta verso la città, scene di pace.

Grande fregio traianeo e Daci dell'attico

Sull'arco sono reimpiegate in tutto otto lastre di un unico grande fregio di circa 3 m di altezza con scene di battaglia, in marmo pentelico (greco): coppie di lastre contigue compongono i quattro pannelli a rilievo, collocati sulle pareti laterali del fornice centre e sui lati corti dell'attico. Il fregio raffigurava le gesta dell'imperatore Traiano durante le campagne di conquista della Dacia (102-107) e forse proveniva dal Foro di Traiano.

Il fregio doveva essere completato da altre lastre in parte perdute in parte individuate da frammenti al Louvre, all'Antiquarium del Foro Romano i Museo Borghese: la ricostruzione della sua lunghezza complessiva e l'individuazione della sua originaria collocazione so tutoriale Le teste dell'imperatore nelle lastre reimpiegate sull'arco sono state tutte rilavorate come ritratti di Costantino. Calchi delle lastre sono ricomposti nella loro originaria unità nel Museo della Civiltà Romana a Roma.

Il fregio, nelle parti combacianti sull'Arco, raffigura (da destra a sinistra), la conquista di un villaggio dacico da parte della cavalleria e la fanteria romana che spingono i prigionieri in secondo klavir i soldati, sullo sfondo delle capanne del villaggio, mostrano le teste mozzate dei barbari i prigionieri sono incalzati dall'altro lato da una carica della cavalleria guidata dall'imperatore stesso e seguito da signiferi e cornicini infine vi si vede Traiano che entra a Roma, incoronato da una Vittoria e portato verso la città dalla persono della Virtus in abito amazzonico. Il fregio storico, dove i Daci sono ben riconoscibili nei loro costumi, è stato confrontato coi rilievi della Colonna Traiana, arrivando a ipotizzare la presenza dello stesso maestro nelle due opere, anche se qui mancano gli intenti di fedele ricollazione storioncenica temporale, nonostante alcune scene siano simili (scena 51, Traiano riceve le teste di due capi daci i le scene di cavalleria alla carica). Se si tratta della stessa mano, almeno nei disegni e nella concezione, siamo comunque di fronte a due contenuti diversi (narrativo-kronistico e celebrativo-simbolico) espressi con linguaggi Diferencial, nonostante alcuni inconfondibili tratti comuni, come il le solco di contor , alcuni schemi compositivi e il ritratto dei barbari vinti come onorevoli avversari. La presenza della scena dell'adventus (& quotritorno & quot), non presente nella Colonna, forma una sorta di continuazione del racconto delle imprese di Traiano.

Lo stile del fregio è & quotbaroccheggiante & quot [4], con una una compositionizione affollata e complessa, con l'uso di un ricco chiaroscuro, con un notevole senso della spazialità dato dagli elementi non disposti su une sfondo piatto ma variamente & quotfluttuanti & quot, ).

Semper dal Foro di Traiano dokazano je otto statua di prigionieri Daci u marmo pavonazzetto kolocirali su basamenti u marmo cipollino come decorazione dell'attico (testa e mani delle sculture e una delle figure per intero, in marmo bianco, sono dovute al restauro eseguito nel 17 dallo scultore Pietro Bracci.

Otto rilievi circolari dell'epoca dell'imperatore Adriano di oltre 2 m di altezza sono collocati al di sopra dei fornici laterali, sulle due facciate, insertiti a due in un campo rettangolare che in origine era ricoperto da lastre di porfido. La ragione dell'attribuzione all'epoca adrianea è essenzialmente legata, oltre che per fattori stilistici e nella scelta delle scene, alla presenza (almeno tre volte) della ben nota figura di Antinoo, il ragazzo amato da Adriano.

Raffigurano alternativamente scene di caccia (partenza per la caccia, cacce all'orso, al cinghiale, al leone) e scene di žrtvicio a divinità pagane, collegate ciascuna ad una delle cacce. Anche in questi tondi, in particolare su quelli collocati sulla facciata sud, le teste dell'imperatore sono state rilavorate: come ritratti di Costantino, nelle scene di žrtficio, e di Licinio o di Costanzo Cloro nelle scene di caccia viceversa per i tondi collocati sulla facciata nord. All effigi di Costantino venne aggiunto il nimbus (aureola), spettante ormai alla maiestas imperiale. Raspravljajte o la provenienza dei rilievi, za spomenik posvećen ad Antinoo situaciji u Palatinu meno probabile la provenienza dal tempio del Divo Traiano o da un arco posto all'ingresso del tempio stesso, per le scene incompatibili con un monumento postumo. Esiste anche la recente ipotesi che i tondi si trovassero originariamente proprio su questo arco, forse adrianeo nella sua prima edificazione, che sarebbe stato ricomposto e ridecorato all'epoca di Costantino, ma la rilavorazione subita dalle inconiciamento silla inovainioconeco lalla neoliovaracione lilla questa ipotesi [5].

La cronologia dell'opera è fissata tra il 130 e 138 [6].

L'ordine attuale dei tondi sull'arco, che differentisce dall'originario ordine delle scene, è il seguente:

sulla facciata meridionale: Partenza per la caccia, Sacrificio a Silvano, Caccia all'orso, Sacrificio a Diana

sulla facciata settentrionale: Caccia al cinghiale, Sacrificio ad Apollo, Caccia al leone, Sacrificio ad Ercole.

Affiancano l'imperatore nelle scene due to tre personaggi, a cavallo in due dei rilievi di caccia, e a piedi negli altri. Le composizioni sono attentamente studiate attorno alla figura imperiale e gli sfondi sono essenziali, secondo le convenzioni dell'arte ellenistica (fronde di alberi, un arco che simboleggia la partenza, ecc.). L'esecuzione è molto fine, come testimoniano i panneggi, le teste e la cura dei dettagli. Totalmente assente è l'enfasi e la partecipazione narrativa del fregio traianeo, risolta qui in una misurata compostezza. Il tema della caccia, che proprio Adriano riportò in voga, è connesso all'esaltazione eroica del sovrano secondo uno schema risalente a Alessandro Magno e tipico delle antiche civiltà orientali. Più incerto è il motivo della presenza dei quattro sacrifici

Pannelli di Marco Aurelio

Sull'attico, ai lati dell'iscrizione, sono murati otto rilievi rettangolari (alti più di 3 metri) che raffigurano diversi episodi delle imprese dell'imperatore Marco Aurelio contro i Quadi e i Marcomanni (definitivamente sconfitti nel 175). Le teste dell'imperatore sono state rilavorate anche in questo caso, come ritratti probabilmente di Costantino e Licinio (oggi le teste sono quelle del restauro del XVIII secolo e raffigurano Traiano, in quanto all'epoca i rilievi erano stati attribuiti all'epoca di questo imperatore). Fanno forse parte della serie altri tre rilievi analoghi[7] per dimensioni ma alcune con differenze stilistiche[8] oggi esposti a palazzo dei Conservatori. In ogni caso il medesimo soggetto delle imprese e la presenza fissa, alle spalle dell'imperatore, di un personaggio indicato come il genero e, per un certo periodo, successore in pectore di Marco Aurelio, Tiberio Claudio Pompeiano, fa propendere per un'origine comune dei rilievi[9].

L'attuale ordine dei rilievi sull'arco è il seguente (sulla base della ricostruzione delle guerre marcomanniche):

Sulla facciata meridionale, da sinistra a destra:

Rex datus (presentazione all'imperatore di un capo barbaro sottomesso): Marco Aurelio, accompagnato da Pompeiano, presenta al gruppo dei barbari il nuovo re tributario a lui sottomesso (Furzio?) Pompeiano è dietro di lui e sullo sfondo si vedono un edificio da accampamento e, dietro ai barbari, aquiliferi con insegne.

Captivi (prigionieri condotti all'imperatore): Marco Aurelio e Pompeiano, su un basso tribunal alla presenza di soldati con vessilli, condannano un principe barbaro (dai capelli folti e corvini), che viene spinto verso di loro con le mani legate sulla schiena sullo sfondo è rappresentato un albero. La cosa curiosa è che i soldati che accompagnano i prigionieri sembrano appartenere, sulla base dei simboli contenuti sugli scudi, alla legio I Adiutrix (di stanza a Brigetio al tempo di Marco Aurelio) o alla legio II Adiutrix (di stanza ad Aquincum). Si tratterebbe, pertanto, di un capo dei Quadi (Ariogeso?), che si trovavano proprio di fronte al tratto di limes danubiano compreso tra le due fortezze legionarie, al tempo delle guerre marcomanniche.

Adlocutio (discorso ai soldati): L'imperatore parla i soldati dal suggesto dietro di lui c'è Pompeiano.

Lustratio (sacrificio al campo): Marco Aurelio, vestendo la toga sacrificale celebra un suovetaurilia su un altare mobile, assistito da un camillo e circondato dai soldati, i signiferi e i tubicini alle spalle di Marco, tra due aquiliferi, si vede Pompeiano.

Sulla facciata settentrionale, sempre da sinistra a destra:

Adventus (arrivo dell'imperatore a Roma): Marco Aurelio, sulla cui testa vola una Vittoria con un serto, è affiancato da Marte e da Virtus, che lo invitano nella Porta Triumphalis in secondo piano si vedono le divinità dei templi presso la porta (oggi area sacra di Sant'Omobono): la Mater Matuta e la Fortuna Redux, mentre il tempio sullo sfondo è quello di Fortuna, a sinistra.

Profectio (partenza da Roma): l'imperatore è in abito da viaggio e si trova tra il Genius Senatus e il Genius Populi Romani (a sinistra) e un gruppo si soldati con vessilli (a destra) in basso la figura sdraiata è una personificazione di una via che invita l'imperatore sullo sfondo soi distingue la Porta Triumphalis oltre il profilo della testa di Marco Aurelio (restaurata) si vede il volto di Pompeiano.

Liberalitas (distribuzione di denaro al popolo): l'imperatore in toga siede sulla sella curulis, collocata su un altissimo podio, sul quale sono anche un inserviente che dispensa il materiale del congiarium (a sinistra) e un togato ben caratterizzato fisiognomicamente, forse il prefetto Urbi Lucio Sergio Paulo alle loro spalle si trovano due figure su un gradino (quella di destra è Pompeiano, l'altro forse Claudio Severo, pure genero di Marco Aurelio e console) e un colonnato di sfondo, forse la basilica Ulpia in basso si trovano le figure del popolo, compresi alcuni bambini, tra le quali spiccano per originalità compositiva la figura di spalle che guarda in alto e l'uomo col figlio a sedere sulle spalle.

Submissio o Clementia (sottomissione di un capo barbaro): L'imperatore, con dietro Pompeiano, è su un alto podio davanti ai soldati e agli aquiliferi con signa, e con un gesto di clemenza assolve un principe barbaro che protegge il figlio giovinetto con un braccio sulla spalla.

I dodici rilievi originari provenivano forse da un arco, oggi scomparso, dedicato a Marco Aurelio sul Campidoglio. In alternativa sono stati collegati al complesso celebrativo eretto in onore dell'imperatore dal figlio Commodo nel Campo Marzio di cui oggi rimane la Colonna Antonina e a cui forse apparteneva anche la celebre statua equestre di Marco Aurelio bronzea, oggi collocata al centro di piazza del Campidoglio a Roma.

L'ordine dei pannelli nel monumento originario era diverso da quello odierno sull'arco, dove i rilievi furono collocati seguendo non tanto un ordine narrativo, quanto la suddivisione delle due facciate per le tematiche di guerra (a sud) e di pace (a nord) e ricercando inoltre effetti di insieme, come ad esempio per l'accostamento degli episodi della partenza (Profectio) e dell'arrivo (Adventus), che presentavano in tal mondo un continuo sfondo di edifici. I pannelli, attribuiti al cosiddetto Maestro delle Imprese di Marco Aurelio, sono tra le opere più significative della svolta nell'arte all'epoca di Commodo: in queste opere lo spazio è concepito per essere compatibile con il punto di vista dell'osservatore e gli elementi del rilievo sono disposti come se tra di essi circolasse veramente l'atmosfera (come nei vessilli che penzolano davanti alle architetture di fondo), secondo una spazialità inesistente nel mondo greco e sperimentata a Roma già nei rilievi dell'Arco di Tito, anche se in maniera meno coerente. L'anonimo artista era padrone della tecnica ellenistica, dal cui solco comunque non si allontanò, piegandola però a nuovi valori formali tipicamente romani. Nei suoi rilievi è presente anche la pietà e il coinvolgimento per la condizione dei vinti (come nella Colonna Traiana): esemplare è il gruppo del rilievo VII dove si vede un capo barbaro supplice e infermo, sorretto da un giovinetto.

Le scene sono di tipo onorario, non trionfale, in quanto il Senato non stabilì il trionfo per l'imperatore al ritorno delle campagne del 171-172 dall'analisi delle scene trattate i rilievi sono databili al 173 e si spingono a descrivere eventi futuri, immaginati dai senatori, come la scena della Liberitas, che di fatto non ebbe luogo.

Sono di restauro nei rilievi le otto teste dell'imperatore (Costantino), e altre teste mancanti dei personaggi, eseguite nel 1742 dallo scultore Pietro Bracci.

Sui lati corti dell'arco il ciclo è completato da due tondi appositamente scolpiti per l'arco all'epoca di Costantino sul lato est il Sole-Apollo sulla quadriga sorge dal mare, mentre sul lato ovest la Luna-Diana guida invece una biga che si immerge nell'Oceano: i due rilievi inquadrano la vittoria dell'imperatore in una dimensione cosmica.

Al di sopra dei fornici laterali e sotto i tondi adrianei, un fregio continuo (alto poco meno di 1 m) che prosegue anche sui lati corti del monumento con il raccordo di elementi angolari, fu scolpito all'epoca di Costantino direttamente sui blocchi che compongono la muratura, leggermente sporgenti. L'opera è una delle più significative dell'arte costantiniana perché mostra con estrema chiarezza una serie di elementi di rottura rispetto alla tradizione classica antecedente.

Il racconto, che riguarda gli episodi della guerra contro Massenzio e la celebrazione della vittoria di Costantino a Roma, inizia sul lato corto occidentale e prosegue girando intorno all'arco in senso antiorario per terminare all'angolo nordoccidentale:

Partenza da Milano ("Profectio"), sul lato occidentale, al di sotto del tondo con Luna-Diana: Costantino è seduto su un carro con cathedra ed è preceduto dalle truppe a piedi e a cavallo (nelle quali si riconoscono dall'equipaggiamento i legionari regolari e gli ausiliares, con l'elmo cornuto e coi dromedarii) alcuni soldati recano in mano statuette di Sol Invictus e di Victoria

Assedio di Verona ("Obsidio"), sul lato meridionale: Costantino si vede sulla sinistra tra due protectores divini lateris, mentre una Vittoria volante lo incorona al centro figura il gruppo dei soldati assedianti (legionari, cornuti e arcieri mauri) a sinistra le mura della città (rimpicciolite) oltre le quali sporgono gli assediati, composti da truppe pretoriane (alcuni sono pronti a lanciare pietre contro gli assalitori) un soldato di Costantino si aggira sotto le mura visto dai nemici e un altro soldato sta precipitando a capofitto dalle fortificazioni.

Battaglia di Ponte Milvio ("Proelium"), sul lato meridionale: all'estrema sinistra si vede il ponte Milvio con una personificazione del Tevere che si affaccia mentre i soldati di Costantino passano tra la Virtus e la Vittoria seguono il massacro e l'annegamento dei cataphractrarii di Massenzio da parte della cavalleria costantiniana all'estrema destra i trombettieri dell'esercito vincitore richiamano le truppe.

Arrivo a Roma ("Ingressus"), sul lato orientale: la scena, che fa pendant con la partenza sul lato opposto dell'arco, mostra l'ingresso dell'imperatore nell'Urbe (avvenuto il 29 ottobre 312) l'imperatore sul carro si trova alla sinistra e incede verso la porta della città preceduto dai cavalieri con berretto pannonico, fanti con le armi o con le insegne e dai cornicines, ovvero le truppe palatine, legionarie, cornuti ed arcieri mauri.

Discorso dai "rostra" nel Foro Romano ("Oratio"), sul lato settentrionale: la scena ha luogo nel Foro Romano e sullo sfondo sono probabilmente riconoscibili la basilica Iulia, l'arco di Tiberio, i Rostri col palco imperiale, il monumento del decennale dei Tetrarchi e l'Arco di Settimio Severo l'imperatore (mutile della parte superiore) si trova assiso al centro, in posizione rigidamente frontale e ingrandito gerarchicamente la folla e i lati del foro sono composti in prospettiva ribaltata ai lati del palco si trovano le statue di Adriano, a destra, e Marco Aurelio, a sinistra.

Distribuzione di denaro al popolo (Congiarium o Liberalitas), sul lato settentrionale: l'episodio avvenne il 1º gennaio 313 e nel rappresentarlo vennero usati addirittura cinque moduli di proporzione gerarchica: 1) L'imperatore è seduto al centro sul trono, in rigida posizione frontale, e sovrasta 2) i personaggi del seguito sulla stessa loggia, a loro volta più grandi dei 3) funzionari nella loggia poi si osservano dei 4) personaggi in toga contabulata in basso vicino all'imperatore (supplici o che prendono con le mani velate il donativo dalle mani dell'imperatore) 5) nella fascia inferiore è rappresentata la massa anonima dei beneficianti questi ultimi sono colti con la mano alzata per ricevere e sono rappresentati con una prospettiva ribaltata che rigira le figure che dovrebbero stare di dorso. Nelle logge sopraelevate con aulea (forse la porticus Minucia o il Foro di Cesare) si vedono i funzionari che registrano le elargizioni e che prelevano il denaro dai forzieri.

Il fregio costantiniano, da leggere secondo una narrazione continua, marcata dalla successione dei singoli episodi, prosegue in questo senso la tradizione romana del rilievo storico, e tuttavia se ne distacca nettamente dal punto di vista stilistico, segnando l'abbandono del naturalismo di origine ellenistica a favore di un più marcato carattere simbolico. Le figure sono più tozze, con le teste leggermente sproporzionate rispetto ai corpi. Le scene sono di massa, affollate di personaggi e denotano una perdita di interesse verso la figura individuale isolata tipica della visione artistica greca. In crescita rispetto alla tradizione precedente è il ricorso al trapano, che crea scavature più profonde, quindi ombre più scure in netto contrasto con le zone illuminate. Privilegiando la linea di contorno rispetto ad una reale consistenza volumetrica, e i volti con gli occhi grandi e sbarrati sono segnati da un marcato espressionismo.

Nella scena dell'Oratio l'imperatore si erge seduto al centro in posizione rialzata sulla tribuna, l'unico in posizione frontale (a parte le due statue dei suoi predecessori), acquistando una valenza sacrale, come di una divinità che si mostri ai fedeli isolata nella sua dimensione trascendente e sacrale, sottolineata anche dalle dimensioni leggermente maggiori della sua figura. Si tratta infatti di uno dei primissimi casi a Roma di proporzioni tra le figure organizzate secondo gerarchia (una caratteristica tipica della successiva arte paleocristiana e medievale): la grandezza delle figure non dipende più dalla loro posizione nello spazio, ma dalla loro importanza.

Un altro elemento interessante è la perdita dei rapporti spaziali: lo sfondo del rilievo mostra i monumenti del foro romano visibili all'epoca, ma la loro collocazione non è realistica rispetto al sito sul quale si svolge la scena (i rostra), anzi sono collocati allineati e paralleli alla superficie del rilievo. Ancora più inconsueta è rappresentazione in "prospettiva ribaltata" dei due gruppi laterali di popolani, che dovrebbero stare teoricamente davanti alla tribuna ed invece sono ruotati e schiacciati ai due lati.

Sono tutte, queste, caratteristiche dell'arte tardoantica, che anticipa le realizzazioni dell'arte medioevale e a sua volta era in parte stata anticipata dalla corrente artistica "plebea" e "provinciale" che si intreccia con l'arte ufficiale lungo tutta l'evoluzione dell'arte romana: in questo periodo storico questa forma di arte giunge a Roma, perché la stessa classe dirigente (proprietari terrieri, ricchi mercanti ed ufficiali), compresi gli stessi imperatori proviene dalle province.

L'allontanamento dalle ricerche naturalistiche dell'arte greca portava d'altro canto una lettura più immediata ed una più facile interpretazione delle immagini. Per lungo tempo questo tipo di produzione artistica venne vista come chiaro esempio di decadenza, anche se oggi studi più ad ampio raggio hanno dimostrato come queste tendenze non fossero delle novità, ma fossero invece già presenti da secoli nei territori delle province e che il loro emergere nell'arte ufficiale fu il rovescio di un processo di irradiazione artistica dal centro verso la periferia con l'inevitabile ritorno anche in senso opposto delle tendenze dalle periferie al centro (verificatorsi anche in altre epoche storiche).

Altri rilievi costantiniani

Altre decorazioni scultoree eseguite in epoca costantiniana sono:

i rilievi sui plinti delle colonne, accoppiati simmetricamente e raffiguranti:

sul fronte Vittorie (che scrivono su scudi o reggono rami di palma) e trofei con barbari orientali e nordici prigionieri

sui lati dei fornici laterali Prigionieri nordici e orientali da soli o con soldati romani

sui lati del fornice centrale Soldati coi "signa" o Sol Invictus e Victoria

gli otto busti su lastre inseriti nella muratura dei passaggi laterali (non tutti conservati), con ritratti imperiali e figure di divinità

le Vittorie alate con trofei e i Geni delle Stagioni nei pennacchi (spazi triangolari di risulta) del fornice centrale

le personificazioni di fiumi nei pennacchi dei fornici laterali

le sculture delle chiavi d'arco con raffigurazioni di divinità: sui fornici laterali Marte, Mercurio, Genius populi Romani sul fornice centrale Roma e Quies Rei Publicae.

Le figure allegoriche costantiniane sono nello stile classicista del recupero della tradizione figurativa voluto da Costantino, ma il loro contenuto è svuotato, la forma denota ormai stanchezza (come era accaduto nella base dei Decennalia di Diocleziano), il volume è appiattivo e la resa scivola facilmente nel disegnativo e calligrafico (si vedano ad esempio i panneggi delle Vittorie). Rispetto al fregio storico, animato dalla viva stereometria dell'epoca tetrarchica, si nota uno stile diverso, anche se nel complesso tutti i rilievi costantiniani sembrano usciti dalla stessa officina urbana, dalla quale dovettero anche uscire le maestranze impegnate nella decorazione della basilica di Massenzio, di alcuni sarcofagi pagani e cristiani (come il Sarcofago dogmatico), per tutto il primo trentennio del IV secolo


Vizantijska vojska

Istoričari su stoljećima bili uzbuđeni samom idejom rimskih legija. Činjenica da su legije bile organizirane kao prepoznatljive pojedinačne jedinice učinile su bitke mnogo zanimljivijima. Nedostatak odgovarajućih vojnih istorija o istočnom rimskom/vizantijskom periodu ne proizlazi samo iz nedostatka evidencije, već i iz nedostatka ovih vojnih jedinica koje se mogu identifikovati. Bez legija istorija je postala malo manje "seksi" za javnost.

Legio V Macedonica osvaja istorijsku "nagradu" za najdužu legiju u istoriji. Ali je li?

Odgovarajući zapisi o vojnim događajima postaju sve manji i dublji što zalazite dublje u vizantijsko razdoblje. U jednom ili drugom obliku vrlo je moguće da je više rimskih legija preživjelo do 600 -ih, baš kao što je to učinio Legio V. Jednostavno ne znamo.

Koliko možemo reći, Legiju V Makedonsku prvi su put oko 43. godine prije Krista organizirali konzul Gaj Vibije Pansa Caetronianus i Oktavijan. Simbol jedinice bio je bik, ali je korišten i orao.

Nema podataka o prvim decenijama postojanja legije. Znamo još dvije legije, V Urbana i V Gallicia, koje su mogle biti povezane s našom jedinicom ili čak rani nazivi jedinice.

Legio V se najvjerojatnije borio 31. godine prije Krista u ključnoj bitci kod Actiuma. Postrojba je zatim premještena u rimsku provinciju Makedoniju gdje je dobila ime.

Osim u Makedoniji, legija je osigurala i trupe za baze u provincijama Meziji i Dakiji.

62. godine nove ere neke jedinice (Vexillationes) poslane su u Jermeniju da se bore protiv Perzijanaca. Nakon rimskog poraza kod Randeje, cijela legija je poslana na istok zajedno s još tri legije u pobjedi koja je bila protiv Perzijanaca.

Legija je još bila na istoku sa Velika jevrejska pobuna zbio se 66. godine. Car Neron je dodijelio legiju V Macedonicu, X Fretenisi i XV Apollinaris da uguše pobunu pod komandom Tita Flavija Vespazijana.

V Macedonica je od pobunjenika osvojila planinu Gerizim. Legija se neko vrijeme zadržala u području Emmausa kako bi osigurala mir. Pronađeni su nadgrobni spomenici nekoliko pripadnika legije. Nakon što je njihov zapovjednik Vaspasian proglašen carem, legija se konačno vratila u njihovu bazu u Meziji nakon što nije bila na deset godina.

101. legija se preselila na sjever u Dakiju kako bi pomogla u ratu cara Trajana za osvajanje. 106. na kraju rata legija je bila stacionirana u Troesmisu blizu delte Dunava kako bi držala na oku jedno od nemirnih plemena u tom području.

Godinama su se jedinice legije odvajale da se ponovo bore protiv Perzijanaca i ponovo u Judeji kako bi ugušile još jednu jevrejsku pobunu.

Jedinice V Macedonice sa jedinicama iz I Italice i XI Claudia smjenjivale su se u čuvanju rimskih gradova na Krimu.

Radnici u rudnicima zlata u Daciji pobunili su se i unajmili plaćeničku vojsku. V Macedonica je porazila pobunjenike. Za svoju nagradu 185. ili 187. godine car Komud je dao legiji titulu Pia Constans (Vjeran i pouzdan) ili Pia Fedelis (Vjerni i odani).

Kliknite na kartu za povećanje.
.
Legio V poslan je na istočni front da se bori u
Rimsko -partski rat 58. - 63. godine nove ere kako bi se pomoglo u vraćanju
rastuća moć Perzijanaca u Armeniji.

/>
Legio V Macedonica
Peta makedonska legija (Legio V Macedonica) iz grada Sankt Peterburga u Rusiji osnovana je 2002. godine kako bi rekonstruirala ne samo svakodnevni život rimskih legionara i građanskog društva, već i atmosferu starog Rima
Fotografija - legvmac.ru

Uniforma vojnika iz kasnijeg istočnorimskog perioda.

Srednji rimski period

Ulaskom u politiku, V Macedonica je podržala Septimija Severa u njegovom vojnom svrgavanju vlade i podržavala ga kao cara sve dok se njegova vladavina nije završila 211. Mješovita jedinica naše legije i XIII Blizanca pratila je Severa u Rim i borila se s njim protiv pobunjenika i protiv Perzijanaca. .

Tokom trećeg veka legija je zaslužila mnoge počasti. Car Valerijan (253-260) dodijelio je legiji titulu Pia III Fidelis III (Tri puta vjeran i odan). To znači da su već nagrađeni Pia II ali ne znamo kada. Valerijanov sin Galijen dao im je titulu Pia VII Fidelis VII.

Jedinica je možda zaslužila ove počasti za svoju mobilnu konjičku jedinicu koja se borila protiv uzurpatora i u Galiji pobijedivši galskog cara Victorina.

Uzorak štita Legio V Macedonica
početkom 5. veka

274. godine, kada je car Aurelian odustao od Dakije, legija se treći put vratila u njihovu balkansku bazu Oescus. Legija je pomogla drugom čovjeku limete utvrde kao što su Cebro, Sucidava i Variniana.

Konjičku jedinicu legije car Dioklecijan dodijelio je kao dio centralne pokretne rezerve rimske vojske.

293. konjička jedinica je bila poslat u Memfis u Egiptu. No, kada su Rimljani poraženi od sasanidskih Perzijanaca 296. jedinica je požurila da napadne južnu Mezopotamiju.

Nakon potpisivanja mirovnog ugovora, jedinica se vratila u Egipat gdje je ostala do ranih 400 -ih.

Istočno rimsko doba

17. januara 395. godine car Teodosije je umro i vidimo rođenje Istočnog Rimskog Carstva. Careva smrt dovela je do konačnog rascjepa Carstva na dva politička entiteta, Zapad ( Occidentale ) i istoku ( Orientale ).

V Macedonica više neće biti pozvan da vodi kampanju u Galiji ili Italiji. Nalozi su sada dolazili isključivo iz Carigrada, a odbrana istoka bila je primarna briga.

Nije došlo do nagle promjene. U narednim decenijama Istočna rimska vojska ne bi izgledala niti djelovala mnogo drugačije od svog zapadnog kolege u borbi protiv varvarskih invazija u Galiji i Italiji. Bilo kakve promjene u strukturi jedinica, uniformama i taktikama bile bi vrlo postupne. Vojna evolucija Istočnog Rima zasnivala bi se na promjenama u ekonomiji i vrsti neprijatelja s kojima su se suočili.

Dio legionarskog zida tvrđave
Oescus - Dom V Macedonice
Sa 100.000 stanovnika grad tvrđava Oescus na Dunavu bio je dom
za Legio V Macedonica i glavno ekonomsko i vojno uporište carstva.

Na ovom mjestu u rimskoj povijesti zapisi o vojnim akcijama i pojedinačnim jedinicama u najboljem slučaju postaju tanji. Znamo da se V Macedonica nastavila, ali detalji o ratovima i borbama nestaju.

Legija bi postala jedinica Comitatenses pod Magister Militum per Orientis. Nisu smatrani samo garnizonom limete trupe. Koristili su se kao pokretne trupe koje su se mogle hitno prebaciti do opasnih mjesta.

Pridružite se vojsci i pogledajte svijet. Čini se da se pod Konstantinopoljem ništa nije promijenilo. Nakon 400 godina poslije Krista, trupe iz legije se sada nalaze u Siriji.

Glavna baza legije Oescus je takođe bila na Dunavu nulta osnova za beskrajne varvarske invazije od Huna, Avara i drugih plemena.

Još jednom nam nedostaje odgovarajuća vojna istorija iz ovog razdoblja, a borbe uz Dunav od strane Legia V učinile bi zanimljivo štivo.

Godine 411. naše ere, Balkan su napali Huni. Ovi varvari su se spustili na bazu Legija V u Oesku i uništili grad. A ta jednostavna izjava o velikom događaju je sve što nam istorija govori.

Na osnovu prethodnih izvještaja, jedinice Legia V bile su raspoređene u nekoliko različitih tvrđava. Dakle, možemo pretpostaviti da je barem dio legije uništen u gradu ili prisiljen na povlačenje pred Hunima. Ostale jedinice bi preživjele.

Legio V Macedonica spominje se u egipatskim natpisima u gradovima Antaeapolis i Heliopolis.

Posljednji natpis datira iz 635. ili 636. godine.

Sudbina Legia V Macedonice

Dakle, imamo period od invazije Huna do ove tačke u Egiptu 225 godina prošli su s nula podataka o kampanjama legije.

Da je glavno tijelo legije na Balkanu preživjelo invaziju Huna, njegove pojedine jedinice možda su apsorbirale druge rimske granične snage. Ako je legija nastavila dalje manje ili više netaknuta, o tome nemamo podataka.

Najprivlačnija moguća priča je ova posljednja rimska legija koja okuplja svoje snage u Egiptu da vode svoju poslednju borbu protiv militantnih muslimanskih arapskih osvajača 637.

Mašta se uzdiže razmišljajući o tim brojčano nadmašenim ljudima koji visoko drže zastavu s bikovima i marširaju do smrti u posljednjoj odbrani zapadne civilizacije i Rimskog carstva.


Moutray’s Blog

Prior to the reforms of Marius in 104BC the Roman legion had a variety of standards, the eagle, the wolf, the minotaur, the horse and the boar which had been carried in front of different elements of the legion (though we do not know which).

The eagle had always been the most important, but it was Marius who gave pre-eminence to the eagle and abolished the others.

These standards were ‘animal totems reflecting the religious beliefs of an agricultural society’ (Pliny Natural History 10.16 Keppie 1984).

Boars are important generally in Iron Age iconography, they are ‘aggressive, indomitable and awsome creatures at bay, strong, fearless and destructive’ (Green 1992) and as such their adoption in a military context is unsurprising.

Most of the known legionary emblems are zodiacal in origin, reflecting either a Caesarian origin (the bull – legions III Gallica, IIII Macedonica, VII, VIII Augusta, X Gemina) or a foundation or re-formation under Augustus (capricorn – legions II Augusta, IIII Macedonica, IIII Scythica, XIV Gemina, XXI Rapax).

Legions XIII, and perhaps XVI, have a lion emblem.

Other emblems seem to reflect service at Actium, or in other sea-battles of the civil war X Fretensis has a dolphin and galley among others XI and XXX have Neptune.

The pegasus appears for II Augusta and III Augusta.

V Alaudae boasts an elephant (from a historical episode).

VI Ferrata, the wolf and twins (and perhaps a bull also).

Legio XII Fulminata has a thunderbolt, as you would expect from the name.

According to Domaszewski (1885) the boar signifies the god Quirinus, thought to be originally of Sabine origin, a god with martial qualities seen as the personification of the deified Romulus.

It was used as an insignia by several legions.
Leg I Italica, leg II Adiutrix and leg X Fretensis all made use of it as well as leg XX Valeria Victrix.

Dalje čitanje
Domaszewski, A.von, 1885. Die Fahnen in römischen Heere. Wien.
Reinach, A.J., 1910. ‘Signa Militaria’ in Daremberg-Saglio, Dictionnaire des Antiquités iv.2, 1307-25
Ross, A., 1967. Pagan Celtic Britain ‘The Boar’ 308-321
Toynbee, J.M.C., 1973. Animals in Roman Life and Art. ‘Boars and Pigs’ 131-136
Green, M.J., 1992. Animals in Celtic Life and Myth.

Heraldic

Valeria is to be derived from valeo (which the Oxford Latin Dictionary defines as “to possess, or have predominance in, military or political power, resources, etc.”) and personifies the qualities of strength and well-being, luck and good omen,

Reference: R. McPake, (1981). “A Note on the Cognomina of Legio XX.” Britannia, 12, 293-295.

Moutray of Roscobie – Flickr

Seafield Tower , Fife – on Flickr

Arthurs Seat and Seafield Tower

The Moultrays were Lords of Markinch from the 14th century at least and later added the title of Seafield, a castle between Kirkcaldy and Kinghorn.

They appear from a charter of 1512 to have been infeft to Henry Wardlaw of Torry12 who would also have been the feudal superior of the Dalginch lands.

This may indicate that the Moultray lands referred to in the Wardlaw document (Easter Markinch (Est-Markinch), Nether Markinch (Nethir Markinch), Bighty, Pittenhaggles (Pettinhaglis), Inchunie (Inchehony) and 6 acres of Dalginch meadow) were at that time contained within the larger barony of Torry, as indeed was Dalginch itself.

The barony of Dalginch therefore seems to have been absorbed into the larger barony of Lochore (later Torry) at the same time as Moultray, baron of Markinch was assembling land and developing its separate as a separate barony in its own right.

It was a barony carved out of the landholdings around the town of Markinch and tied in to a separate landholding on the coast at Seafield near Kirkcaldy, giving them access to the Forth and across it to the Capital.

Many generations of Moultays are recorded, Lords of Markinch and Seafield (their coastal stronghold), but their name was eclipsed by the Leslie-Melvilles, Earls of Leven who ended up in possession of their lands.

The Moultrays moved their family seat to an estate near Dunfermline “Lords of Rescobie formerly of Markinch” and were represented in Markinch by a family members down to the mid 19th century. 22 Their last landed links with Markinch were in the areas of Bighty and Markinch Law, lands that the Earl of Leven eventually came to possess.

Archibald Erskine & Anne Moutray ( Ancestress )

Archibald Erskine, M.A., coll or inst. Nov. 30 (F.F.), ind.
Feb. 10, 1629/30, insta. as Preb. Feb. 10 (R.V., see also S.PJ-
1625, P- 625).

He is named as the 3rd Prebendary,
being R-Tullycorbet in 1629 an< ^ x ^3 King’s Letters, but in 1631 as the
2nd Preb. being R. Devenish.

He got a grant of a glebe in Devenish Feb. 29, 1631/2 (Morrin iii, 592) and also a grant of a glebe in
Inishmacsaint of which he was also R. from 1629.
He held the R. & V. Erriglekeerogue (of which his father was Patron) also from 1633-1662 (see
Armagh Clergy, p. 29 ) and may have held the R. Galloon in 1637
( see Chancellors under Margetson.)

He defended the Castle of Augher against the rebels m 1641, and is greatly praised for the same in A Letter to the House of Commons by Colonel Awdley Mervyn (Lond. 1642).

He was s. and heir of Sir James Erskine by Mary, dau. of and co-heir of Adam Erskine,
of Cambuskenneth.
Was ord. D. and P. 9., Dec., 1623, by Abp. Hamilton.
He m. (i) Beatrix, dau. of Bp. Spottiswoode (see Bishops above)
m. (2) Letitia, dau. of Sir Paul Gore, Bart.

He d. at Augher Castle in 1645.
and Admin, of his estate was granted to his dau., Mary (wife of William) Richardson, 8 Oct. ? 1662.

An Ulster Inquisitional.
1661 states that she was 18 years old at her father’s death and not married.
She seems to have married in 1659 (Mar. Sett) . Admin . of his estate was re-granted to another
dau., Anne Moutray (ancestress of the Moutray family) on 22 June, 1663

Castles associated with Moutray – Augher Castle

Margaret Moutray of Favour Royal , Co Tyrone – Married Sir J. M. Richardson Bunbury, Bart.

(A), Sir James Richardson, later Richardson-Bunbury, 2nd Bart (b 1781, d 04.11.1851) had issue. m. (23.06.1810) Margaret Moutray (d 1870, dau of John Corry Moutray)

Augher Castle, County Tyrone

The castle dismantled by order of parliament, and continued in a state of dilapidation and neglect till 1832, when it was restored and a large and handsome mansion built adjoining it by Sir J. M. Richardson Bunbury, Bart.

The ancient building consisted of a pentagonal tower surrounded by a wall 12 feet heigh and flanked by four circular towers the wall has been removed, but one of the round towers has been restored and the entrance gateway has also been removed and rebuilt on an elevated situation commanding some fine views, in which the remains of the old castle form an interesting object: the mansion is situated in a well-wooded demesne of 220 acres, and upon the margin of a beautiful lake.

Windsor Hill Plantation

Windsor Hill Plantation, steeped in the history and traditions of the South of another day, was the home of one of the best known and highly respected heroes of the American Revolution

General William Moultrie was born in Charleston in 1731, and entered the Continental Army at the start of the Revolution.

His military history was impressive he was made Brigadier General following his brilliant defense of Charleston against the British fleet on June 28th, 1776.

It was this event, neglected in American History, that, when reported to Continental Congress on July 19, 1776, gave heart to those forefathers of the nation to sign and ratify a document that had lain dormant since first adopted 15 days earlier – the Declaration of Independence.

General Moultrie opet defeated the British at Beaufort, South Carolina.

When Charleston fell to the British in 1780, he was taken prisoner, to later be exchanged for a distinguished British General, John Burgoyne.

General Moultrie received many recognitions during his military career, among them being the re-naming of Fort Sullivan to Fort Moultrie.

He was elected Governor of South Carolina in 1785, and again in 1789.#

When he died, on September 27, 1805, he was buried in the family burial ground at Windsor Hill Plantation.

In 1977 his remains were reinterred at Fort Moultrie, the historical fort which was also renamed in his honor.

But Windsor Hill Plantation will remain a living memorial to the man who served with distinction and honor during the formative years of a great nation – the United States of America.

[End of words engraved on monument seen at the entrance to Windsor Hill Plantation]

Moutray Barony – Clogher ( Clogh-Oir )

Barony
Clogher.
“Clogher is so named after the keeping-place Clogh-Oir, the ‘Gold Stone’, a gold covered Pagan image.
In the sixth century it was the centre of the kingdom of Oriel.
Behind the cathedral is the hill-fort of Rathmore, inauguration place of the kings of Oriel” (Pennick 1996, 184-5).

Marcomannic Wars

The Marcomannic Wars (called by the Romans bellum Germanicum[1] or expeditio Germanica) were a series of wars lasting over a dozen years from about AD 166 until 180.

These wars pitted the Roman Empire against the Marcomanni, Quadi and other Germanic peoples, along both sides of the upper and middle Danube.

The struggle against the Germanic invasions occupied the major part of the reign of Roman emperor Marcus Aurelius, and it was during his campaigns against them that he started writing his philosophical work Meditations, whose first book bears the note “Among the Quadi at the Granua”

The film Gladiator(2000) starts with a fictional account of a final battle of the Marcomannic Wars.

Legio XX , Valeria Victrix

Legio XX , Valeria Victrix was a Roman legion, probably raised by Augustus some time after 31 BC.

It served in Hispania, Illyricum, and Germania before participating in the invasion of Britannia in 43 AD, where it remained and was active until at least the beginning of the 4th century.

The emblem of the legion was a boar.

The Valeria part of Legio XX cognomen is a reference to the area the Romans called Valeria on the river Danube in east-central Europe.

When the legion was stationed in Illyria (Illyricum), Valeria was subordinate to the province of Illyria.

The legion won its title from victories in this region while campaigning in the Marcomannic Wars.


Friday, September 14, 2012

Heath Ledger-"A Knights Tale."

To get things started, I compiled from a variety of sources, the following article below. Most of the information was known to me, yet with the adherent hyper text links, one can tell that this article has the easy pong of Wikipedia about it.I bring it out strictly for your amusement. If I have violated any copy write laws, I will be more than happy to remove this post.

The hero of the 2001 film A Knight’s Tale, played by Heath Ledger, assumes the title “Ulrich von Liechtenstein” when he poses as a knight. As “undefeated” in jousts, this was a worthy name to take. The name also proved to work well in the plot and provided the necessary contrast to the hero's true name, William Thatcher. However, the character claims to come from Guelders, which was not in Austria but rather in the Low Countries (now in the Dutch province Gelderland). Also, the film is set in the second half of the 14th century, not the 13th century, so it is possible that William was referring to a knight he had heard of.

Ulrich von Liechtenstein (1200�) was a medieval nobleman , knight , politician, and minnesanger . He was born in 1200 in Murau , located in present day Austria . After the usual noble training as a page and a squire to Margrave Heinrich of Istria , he was knighted by Duke Leopold VI of Austria in 1223. Leader of the Styrian nobility, he had a hand in absorbing Styria into the Habsburg Empire, and he became Styria’s governor. He owned three castles, one of them at Lichtenstein, near Judenburg .
The rest of his life is unrecorded. It is possible that he was one of the noblemen in Styria taken prisoner by King Otakar II of Bohemia 1269. He died in 1278 and was buried in Seckau .

Frauendienst
Ulrich is famous for his supposedly autobiographical poetry collection Frauendienst (Service of the Lady). He writes of himself as a protagonist who does great deeds of honor to married noblewomen, following the conventions of chaste courtly love. The protagonist embarks on two remarkable quests. In the first quest, he travels from Venice to Vienna in the guise of Venus, the goddess of love. He competes in jousts and tourneys and challenges all the knights he meets to a duel in the honour of his lady. He breaks 307 lances and defeats all comers. The noblewoman, however, mostly spurns his affections and demands more deeds and even mutilation for even the honour to hold her hand. In the second quest, he takes on the role of King Arthur, with his followers becoming Arthurian Round Table characters. The collection was finished in 1255.

*-(It should be noted, various sources state this was not an allegorical collection of poetry. Rather Sir Ulrich did in fact travel from Venice to Vienna dressed as Venus the Goddess of Love. Challenging all he met and competiting in various jousts along the way. It is even purported he founded the Jousting Order of the Green Lady.)

Changing things up

Zdravo. My name is DS Baker. I am a history enthusiast. My likes generally run the whole gauntlet from Ancient civilizations to Cold War era proxy battles between the USA, and the West vs. The former USSR. Since my interests are so diverse, I decided to narrow things down a bit, and concentrate on what I called the Modern Medieval world.

I have been fortunate to have met some extremely talented individuals, who unbeknownst to themselves at the time of our meeting are now part of a large and growing medieval world. With the advent of the Internet, and social networking sites such as Facebook, this growing phenomena has exploded across the world stage.

I now have conversations with living history enthusiasts as diverse in location from me as you can possibly imagine. One young friend lives in Serbia, while the other lives in Thailand. For an American, it used to be rather exotic to tell someone you had a friend living in Germany. Now you can say with some pride, you are in touch with individuals who live in such places as Slovenia, Hungary, The Czech Republic, The Ukraine, and Russia.

Unlike most enthusiasts with a deep affection for a sport or hobby, living history reenactors see this as a life style. I don't think that they would actually want to live in the 1390's with its adherent dangers or associated plagues. But I think it is out of a wanting a sense of who they are, where they come from, that drives a lot of these individuals. Most attempt to keep what is often referred to as "A Period/Authentic Portrayal."

For those not in the know, this means any, and all references to the outside modern world is hidden or erased when presenting their historical portrayal. This is often expressed, in authentic period clothing with the exact or as close to the exact thread count in a shirt. No modern seams dare rear its ugly head in one of their hand made garments!

It seems to me, that in our modern hurly, burly world, there is an almost atavistic drive to discover a simpler less stressful way. Even the most hardened historian will tell you, that the Viking Long-ships were not raiding all the time. Aside from the biological hazards, dynastic duels or even outright petty jealously, people went on with their less than exciting lives.

For most of my friends and contacts, it was this less than exciting lifestyle that is so attractive to them. My friends, scrounge through antiquarian book shops, looking for as old as possible recipes to recreate in their encampments, and kitchens.

Some even go so far as to learn how to shape, bend and fold metal until it is crafted into a protective work of art. It is not all about feasting or fighting. There are several interpretive sites around the world. Three immediately come to mind. One such site is in the South of France, one in Denmark, and lastly one exists in Scotland. Hopefully as this Blog matures, I will profile these places.

The ancestors of most of the Western European countries did amazing things with their so called primitive technology. Case in point, any finished cathedral in France can give you some idea how complex those buildings are. Recently I had a conversation with a friend of mine concerning the National Cathedral for the USA in Washington DC.-It had suffered mild to moderate damage from an Earthquake earlier in the year. He began to tell me how complex a site such as Norte Dame is.

"David did you know, that we are unable to build a medieval Norte Dame today? If we had to use the same technology and tools they did on the original, why we would be lost. We have simply replaced the medieval technology tree with one that presupposes that the modern is better."

It is my goal to highlight and promote such groups as those who present a viewing of things of a most ancient, and interesting nature. This might manifest as a Herald/Scribe working for Queen Elizabeth II to a XVth Century Style Jousting team in Italy. It is very much a multi-cultural, transnational world we find ourselves in. For the first time, groups who live around the globe have unparalleled access to another group halfway across the planet.


Pogledajte video: Entrevista a lOptio de la Legio VII Gemina (Maj 2022).